Pneumatici per Land Rover 88”

 

 

Le Land Rover 88” e 109” nascevano con pneumatici aventi misure imperiali, di serie erano previsti i  6,00-16 su cerchioni con canale da 5” sulle 88” e i 7,50-16 su cerchioni con canale da 5,5” sulle 109” ad eccezione delle rarissime 109” One Ton che montavano pneumatici 9,00-16 su cerchioni da 6,5” di canale, in alternativa era possibile avere altre misure di pneumatici con vari tipi di battistrada, in particolare sulle 88” si potevano montare sugli stessi cerchioni forniti con i pneumatici di serie anche le misure 6,50-16 e 7,00-16, oltre agli pneumatici da 7,50-16 utilizzando i cerchioni con canale da 5,5”. Verso il termine della produzione delle SIII anche le 88” nascevano con pneumatici da 7,50-16 con gli stessi cerchioni delle 109” ed alcune versioni montavano pneumatici metrici 205/80R16 che avevano lo stesso diametro dei 6,00-16, ma erano radiali ed avevano il battistrada molto più largo. Attualmente, mentre non ci sono particolari difficoltà nel reperire pneumatici della misura 7,50-16 per le 109” e per le poche 88” che hanno questa misura omologata, il discorso diventa più complesso per quanto riguarda quelle più vecchie che hanno omologata solo la misura 6,00-16 o 6,50-16. Si può richiedere il nullaosta per far omologare altre misure, ma la normativa prevede una differenza massima del 5% tra la circonferenza di rotolamento degli pneumatici omologati dalla casa madre e quelli per i quali si richiede l’ omologazione, questo significa poter aumentare al massimo di una misura, ovvero se sul libretto abbiamo unicamente gli 6,00-16 potremo aggiungere solo gli 6,50-16, se avessimo anche questi secondi omologati dalla casa allora potremmo aggiungere anche gli 7,00-16 e così via, unica eccezione sono gli 205/80R16 che una circolare della mctc, la n. 242/4187(0) del 31/01/1995 riconosce come sostitutivi della misura obsoleta 6,00-16, pertanto questa misura metrica può essere montata senza bisogno di collaudo ed aggiornamento del libretto di circolazione, ma dal punto di vista estetico sulle vecchie 88” questi pneumatici “moderni” lasciano piuttosto a desiderare. Ritornando sulle misure più comuni che possiamo trovare omologate sulle 88”,  guardiamo cosa si trova attualmente in commercio prendendo in considerazione solo pneumatici nuovi e non ricostruiti, sia perché questi ultimi hanno spesso dimensioni piuttosto “fantasiose” a causa del fatto che usano come base per la ricostruzione carcasse di pneumatici metrici ( 205/80R16 per fare le 6,00-16), sia per la loro minore affidabilità rispetto ad uno pneumatico nuovo. Da tenere presente, se si cambia misura, che il tachimetro è tarato su una specifica dimensione di pneumatici, ne esistevano due tipi sulle SIII, uno tarato per le ruote da 6,00-16 ed uno per le 7,50-16, ovviamente se si dovesse passare dalle 6,00-16 alle 7,50-16 sarebbe opportuno cambiare anche lo strumento in quanto l’ errore commesso sia nell’ indicazione della velocità, ma in particolare nel conteggio dei km percorsi sarebbe di oltre il 10%, vorrebbe dire che su un percorso di 100 km il totalizzatore ne conterebbe solo 90 passando dallo pneumatico più piccolo a quello più grande.  Oltre alle dimensioni ci sono anche altre caratteristiche che dobbiamo guardare sugli pneumatici, una R posta tra la misura della larghezza/altezza ed il diametro del cerchione significa che lo pneumatico è di tipo radiale, un trattino invece significa che è di tipo convenzionale (a tele incrociate), la coppia di numeri che seguono sono l’ indice di carico dello pneumatico, il primo nel caso di utilizzo singolo (nostro caso), il secondo nel caso di utilizzo di pneumatici gemellati (posteriori di alcuni autocarri), i numeri dell’ indice di carico vanno interpretati secondo la seguente tabella:

 

Indice       Peso (kg)          

 

90            600

91            615

92            630

93            650

94            670

96            710

97            730

98            750

99            775

100           800

101           825

102           850

103           875

104           900

105           925

106           950

107           975

108           1000

109           1030

110           1060

111           1090

112           1120

113           1150

 

 

La lettera che segue gli indici di carico indica la velocità massima ammissibile per quel tipo di pneumatico e va interpretata secondo la seguente tabella:

 

Indice       Velocità massima (km/h)

 

L              120

M             130

N              140

P              150

Q              160

 

Segue poi il numero di PR (Ply Rating) ovvero valutazione degli strati, negli pneumatici a tele incrociate indica quanti strati di tele ha lo pneumatico, negli pneumatici radiali non corrisponde necessariamente al numero di strati di tele, ma è un numero equivalente. Ovviamente più è alto questo numero, più lo pneumatico è robusto, ma diventa anche più rigido. Nel caso delle Land Rover questo numero non dev’ essere minore di 6 (minimo prescritto dalla casa costruttrice) ed è meglio non superare il 10 in quanto si avrebbe uno pneumatico molto duro senza peraltro ottenere dei significativi vantaggi in termine di robustezza visto il peso della macchina. Il numero reale di strati ed il materiale con il quale sono fatti di solito si trova scritto in piccolo sul fianco del pneumatico.

 

Uno degli pneumatici forniti di primo equipaggiamento tutt’ ora in commercio è il mitico Avon Traction Mileage 6,00-16, purtroppo il costo è decisamente elevato (circa 300 euro a pneumatico), e le prestazioni non sono il massimo trattandosi di pneumatico a tele incrociate con un disegno di battistrada piuttosto datato, ma lo trovo di una bellezza estrema in caso di restauro da concorso dove non si bada a spese a fronte della massima originalità e le prestazioni passano in secondo piano.

 

http://www.oldtimerbv.nl/Files/Image/Avon/AvonTM.JPG

Avon Traction Mileage

 

 

 

Un ottimo pneumatico da fuoristrada è il Michelin XZL OR 4x4, si trovava fino a poco tempo fa anche nella misura 6,50R16, ma attualmente dovrebbe essere prodotto solo più nella misura 7,50R16 (oltre che nelle misure metriche), cercando presso qualche grosso gommista che ha un magazzino fornito potrebbe non essere molto difficile reperirne ancora della misura più piccola adatta alle 88” ed il costo non dovrebbe superare i 150 euro a pneumatico, ha ottime prestazioni in fuoristrada, molto buone su strada asciutta, meno buone su strada sdrucciolevole o neve ed è uno pneumatico radiale.

 

tyres-01-021

Michelin XZL

 

 

 

Per chi volesse rimanere sulla misura base di prima omologazione delle 88”, si trovano i Lassa OK144, esistono sia nella misura 6,00-16 che 7,50-16, hanno ottime prestazioni in fuoristrada, discrete su asfalto e sono pneumatici a tele incrociate, il costo è di circa 100 euro a pneumatico per la misura 6,00-16. Da tenere presente che sono pneumatici direzionali pertanto non va mai invertito il senso di rotazione.

 

 

 

http://lekigumi.com/image/cache/data/OK-144%20LASSA-500x500.jpg   

Lassa OK144

 

 

 

Altra alternativa in casa Lassa sono gli LC/T che si trovano nella misura 6,50R16, sono dei robusti pneumatici radiali per autotrasporto leggero con battistrada di tipo M+S, non specificamente nati per uso su fuoristrada, ma il battistrada piuttosto tassellato li rende adatti a fare fuoristrada non troppo pesante, hanno il pregio di avere un ottimo comportamento su strada ed in particolare sul bagnato ed il costo si aggira sui 140 euro a pneumatico.

 

 

http://www.lastikcim.com.tr/modules/catalog/products/pr_01_660_max.jpg 

Lassa LC/T

 

 

 

Un’ alternativa economica di pneumatici 6,50-16 erano i Danubiana D177 a tele incrociate, prodotti in Romania, avevano un disegno abbastanza “vintage” che sulle Series sta bene, buone prestazioni fuoristrada, ma non eccellenti su asfalto bagnato o innevato, purtroppo la casa produttrice, abbastanza conosciuta per pneumatici da trattori e mezzi d’ opera, è fallita da qualche anno, pertanto questi pneumatici non sono più prodotti, costavano meno di 100 euro l’ uno e non escludo che se ne possano ancora trovare in giro tenendo presente che non erano molto commercializzati in Italia. Ho avuto modo di usarli sulla mia 88” per diversi anni e non mi posso lamentare.

 

Di seguito ho messo a confronto i Lassa OK144, i Lassa LC/T ed i Danubiana D177, ho anche rilevato dimensioni e peso di tutti compresi i Michelin XZL nonché il numero di PR :

 

Tipo                                       Peso          Larghezza impronta a terra        Diametro esterno

 

Lassa OK144                      11,7 kg             145 mm                            715 mm

6,00-16 6PR 95/92L

6 tele in nylon

 

Lassa LC/T                         17,3 kg             142 mm                            740 mm   

6,50R16 10PR 109/107 M    

2 tele in poliestere sul fianchi, 2 tele in poliestere + 3 tele in acciaio sul battistrada

 

Michelin XZL                      16,6 kg             138 mm                            741 mm   

6,50R16 10PR 108/107 N

2 tele in poliestere sui fianchi, 2 tele in poliestere + 2 tele in acciaio sul battistrada

 

Danubiana D177                 11,3 kg             132 mm                            743 mm

6,50-16 8PR 104/102 L

8 tele in nylon

 

 

 

Confronto tra Michelin XZL, Lassa LC/T, Danubiana D177 e Lassa OK144, il Michelin è montato sul cerchione ed è gonfio, le Lassa hanno praticamente la dimensione reale, la Danubiana una volta gonfiata è un po’ più larga.

 

HPIM5842

 

HPIM5846

 

HPIM5849

 

Appoggiando sugli pneumatici un profilato di alluminio è evidente il differente diametro tra gli pneumatici di misura 6,50 e quello da 6,00, la striscia scura che si vede sotto al profilato è l’ ombra dello stesso proiettata sul muro a causa del flash, sono circa 2,5 cm in meno come d’ altronde ci si deve aspettare da uno pneumatico la cui spalla è 0,5” inferiore rispetto agli altri.

 

 

 

< pagina precedente        > scrivimi <